Perché acquistare da noi?

Punti Fedeltà
su questo prodotto

sitolegale Farmaciacasa è una farmacia online autorizzata dal ministero della salute. Clicca sul bollino per ulteriori informazioni.
- 24%

NEONISIDINA Dolore 12 compresse

compresse 12 compresse
Minsan: 004558185
Casa Farmaceutica: PHARMAIDEA Srl
6,40 €
4,85 €
Descrizione

Neo Nisidina

Acido Acetilsalicilico, Paracetamolo e Caffeina

 

Composizione

1 compressa contiene:
Principi attivi: acido acetilsalicilico 250 mg, paracetamolo 200 mg, caffeina 25 mg.

Descrizione

Neo Nisidina si usa nel trattamento sintomatico di mal di testa, nevralgie, mal di denti, dolori mestruali, dolori articolari, stati febbrili e sindromi da raffreddamento.

Indicazioni terapeutiche

Neo Nisidina si usa nel trattamento sintomatico di mal di testa, nevralgie, mal di denti, dolori mestruali, dolori articolari, stati febbrili e sindromi da raffreddamento. Posologia Adulti: da 1 a 4 compresse al giorno. L’assunzione per via orale deve avvenire a stomaco pieno. Non superare le dosi consigliate, in particolare i pazienti anziani devono attenersi ai dosaggi minimi sopraindicati.

Controindicazioni

− Ipersensibilitàai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.
NEO NISIDINA non deve inoltre essere usata in caso di ipersensibilità ad altre sostanze strettamente correlate dal punto di vista chimico: in particolare i salicilati o altri farmaci antinfiammatori non steroidei.
− Ulcera gastrica o duodenale attiva.
− Tendenza accertata alle emorragie (per es. emofilia).
− Terzo trimestre di gravidanza.
− Bambini e adolescenti di età inferiore a sedici anni.
− Adolescenti dai 16 ai 18 anni affetti da varicella o da influenza per il rischio di sindrome di Reye.
− Pazienti che hanno avuto una reazione di ipersensibilità (allergia) a seguito della somministrazione di salicilati o altri farmaci antinfiammatori non steroidei con sintomi quali, ad esempio: asma, angioedema o orticaria.
− Asma.
− Grave insufficienza epatica.
− Grave insufficienza renale.
− Grave insufficienza cardiaca.
− Trattamento con metotrexato (15 mg per settimana o più).
− Deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi.
− Grave anemia emolitica.
− NEO NISIDINA è inoltre controindicata in caso di condizioni ereditarie che possono essere incompatibili con uno degli eccipienti 

Avvertenze speciali e precauzioni di impiego

NEO NISIDINA deve essere usata solo dietro consiglio del medico, il quale dovrà accuratamente valutare il rapporto tra i benefici attesi ed i rischi possibili, in caso di:
− rinite allergica e polipi nasali;
− disturbi gastrici o duodenali cronici o ricorrenti;
− sospetta ipersensibilità agli analgesici antipiretici o ai farmaci antinfiammatori non steroidei;
− uso abituale di bevande alcoliche;
− alterazione della funzione epatica (per es. dovuto ad abuso cronico di alcol, epatiti);
− insufficienza epatica lieve o moderata;
− sindrome di Gilbert;
− alterazione della funzione renale;
− insufficienza renale lieve o moderata;
− uso concomitante di anticoagulanti orali, antiaggreganti piastrinici, eparina per via sistemica, trombolitici o di altri farmaci;
− precedenti episodi di ulcera gastroduodenale;
− precedenti episodi di sanguinamento o perforazione gastrointestinale;
− programmazione di un intervento chirurgico o di un esame diagnostico invasivo;
− gravidanza (primo e secondo trimestre)
L’uso di analgesici (antidolorifici), soprattutto ad alte dosi, può causare mal di testa che non deve essere trattato con dosi maggiori del farmaco. L’uso corretto di questo medicinale, non espone al rischio di una sindrome da astinenza; è bene sapere, tuttavia, che la brusca interruzione di una terapia prolungata con analgesici ad alte dosi può causare una sindrome da astinenza (per esempio mal di testa, stanchezza, nervosismo), che tipicamente si risolve in pochi giorni. In questi casi l’uso di antidolorifici può essere ripreso solo sotto stretto controllo medico. I soggetti di età superiore ai 70 anni, soprattutto in presenza di terapie concomitanti, devono usare questo medicinale solo dopo aver consultato il medico. Non somministrare per oltre 3 giorni consecutivi senza consultare il medico. Se il dolore o la febbre persistono o peggiorano, se si manifestano sintomi nuovi o se sono presenti arrossamenti o gonfiori, si deve consultare un medico perché questi potrebbero essere segni di un aggravamento della patologia in atto. L’uso abitudinario di antidolorifici può causare a lungo termine un danno renale permanente che può portare all’insufficienza renale (nefropatia da analgesici).L’acido acetilsalicilico può diminuire l’escrezione di acido urico e scatenare un attacco di gotta in soggetti suscettibili.L’uso di acido acetilsalicilico può mascherare i segni di una infezione. Questo medicinale contiene acido acetilsalicilico, paracetamolo e caffeina; prima di assumere qualsiasi altro farmaco controllare che non contenga anch’esso paracetamolo poiché se questo principio attivo è assunto in dosi elevate può causare gravi effetti indesiderati. Per prevenire il sovradosaggio, evitare la somministrazione contemporanea di altri farmaci contenenti paracetamolo. L’uso contemporaneo di farmaci contenenti antidolorifici o antipiretici (antifebbrili) o antiinfiammatori non steroidei può essere dannoso per la salute. Se si sta già usando uno di questi farmaci NEO NISIDINA può essere assunta solo dopo aver interrotto il precedente trattamento ed aver consultato il medico. L’uso non corretto del medicinale (per dosi o per durata superiori e quelle indicate) può provocare gravi danni, particolarmente a carico del fegato, dei reni o del sangue, che potrebbero mettere a rischio la vita del paziente. Questo medicinale è controindicato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore a sedici anni ma nel caso si sospetti una infezione virale, quale ad esempio l’influenza, NEO NISIDINA non deve essere usata nemmeno negli adolescenti di età compresa tra i 16 e i 18 anni .In questi soggetti vi è il rischio che si sviluppi la sindrome di Reye, una malattia rara, ma pericolosa per la vita. La sindrome di Reye è caratterizzata da una encefalopatia non infettiva e da insufficienza epatica e tipicamente si manifesta dopo la scomparsa dei segni acuti di una infezione virale (quali varicella o influenza). Le manifestazioni cliniche includono vomito, mal di testa e perdita di coscienza. L’uso di NEO NISIDINA, come di qualsiasi farmaco inibitore della sintesi delle prostaglandine e della cicloossigenasi è sconsigliato nelle donne che intendano iniziare una gravidanza.La somministrazione di NEO NISIDINA dovrebbe essere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilità o che sono sottoposte a indagini sulla fertilità.
Informazioni importanti su alcuni eccipienti
Il medicinale contiene Lattosio - i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, deficit totale di lattasi o da malassorbimento di glucosio/galattosio non devono assumere questo medicinale. 

Interazioni con altri medicinali

Acido acetilsalicilico
L’acido acetilsalicilico può aumentare gli effetti e il rischio di tossicità di:
- farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), corticosteroidi, alcol: aumento del rischio di effetti indesiderati a livello gastrointestinale (per es. emorragia gastrointestinale);
- glicosidi cardiaci: digossina, digitossina;
- litio;
- antiaggreganti piastrinici, trombolitici, anticoagulanti, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), uricosurici: aumento del rischio di sanguinamento;
- agenti ipoglicemizzanti, acido valproico, metotrexato.L’acido acetilsalicilico:
- può diminuire l’effetto di diuretici e antiipertensivi;
- può diminuire l’effetto natriuretico dello spironolattone;
- può inibire l’effetto degli agenti uricosurici (per es. probenecid, sulfinpirazone).

Paracetamolo
- Probenecid, salicilammide: ritardano l’eliminazione del paracetamolo con aumento del rischio di tossicità.
- Anticoagulanti orali: aumento del rischio di sanguinamento quando il paracetamolo viene somministrato contemporaneamente per 7 giorni o più.
- L’assorbimento del paracetamolo è ridotto dalla colestiramina.
La somministrazione di paracetamolo può interferire con la determinazione della uricemia (mediante il metodo dell’acido fosfotungstico) e con quella della glicemia (mediante il metodo della glucosio-ossidasi-perossidasi).
Anche a basse dosi, il paracetamolo può causare danni al fegato se somministrato con farmaci che provocano induzione enzimatica, per esempio alcuni farmaci ipnotici e antiepilettici (glutetimmide, fenobarbital, fenitoina, carbamazepina) e rifampicina. Lo stesso può verificarsi in caso di abuso di alcol.
Usare con estrema cautela e sotto stretto controllo del medico durante il trattamento cronico con farmaci che possono determinare l’induzione delle monossigenasi epatiche o in caso di esposizione a sostanze che possono avere tale effetto (per esempio rifampicina, cimetidina, antiepilettici quali glutetimmide, fenobarbital, carbamazepina).
Farmaci che rallentano lo svuotamento gastrico, come per esempio la propantelina, riducono la velocità di assorbimento del paracetamolo e ne ritardano l’insorgenza dell’effetto.
Farmaci che, invece, accelerano lo svuotamento gastrico, come la metoclopramide, portano ad un aumento della velocità di assorbimento.
L’associazione del paracetamolo con cloramfenicolo può prolungare l’emivita del cloramfenicolo, aumentandone il rischio di tossicità.
L’uso concomitante di paracetamolo e di AZT (zidovudina) potenzia il rischio di neutropenia indotta da quest’ultimo. Pertanto, si dovrebbe assumere NEO NISIDINA insieme ad AZT soltanto sotto controllo del medico.

Caffeina
La caffeina può antagonizzare l’effetto sedativo di diversi farmaci (es. barbiturici, antistaminici). Può anche aumentare l’effetto di tachicardia provocato da altri medicinali (es. simpaticomimetici, tiroxina). I contraccettivi orali, la cimetidina e il disulfiram, rallentano il metabolismo della caffeina nel fegato, i barbiturici ed il fumo lo aumentano. La caffeina riduce la escrezione della teofillina. La somministrazione concomitante di analgesici non aumenta il rischio che si sviluppi dipendenza. La somministrazione di antibiotici chinolonici può ritardare l’eliminazione della caffeina.
Metamizolo
Il metamizolo può ridurre l'effetto dell'acido acetilsalicilico sull'aggregazione piastrinica, se assunto contemporaneamente. Pertanto, questa combinazione deve essere usata con cautela nei pazienti che assumono aspirina a basse dosi per la cardioprotezione.

Fertilità, gravidanza ed allattamento

Gravidanza
- Basse dosi di acido acetilsalicilico(fino a 100 mg/die)
Gli studi clinici indicano che le dosi fino a 100 mg/die possono essere considerate sicure limitatamente ad un impiego in ambito ostetrico, che richiede un monitoraggio specialistico.
-Dosi di 100-500 mg/die di acido acetilsalicilico
Ci sono insufficienti dati clinici relativi all’uso di dosi superiori a 100 mg/die fino a 500 mg/die. Quindi, le raccomandazioni di seguito riportate per le dosi di 500 mg/die ed oltre si applicano anche a questo range di dosaggio
- Dosi di 500 mg/die e oltre di acido acetilsalicilico
L’inibizione della sintesi di prostaglandine può interessare negativamente la gravidanza e/o losviluppo embrio/fetale;
Risultati di studi epidemiologici suggeriscono un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e di gastroschisi dopo l’uso di un inibitore della sintesi di prostaglandine, nelle prime fasi della gravidanza ;Il rischio assoluto di malformazioni cardiache era aumentato da meno dell’1%, fino a circa l’1,5%.
E’ stato stimato che il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia. Negli animali la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di  pre e post-impianto e di mortalità embrione-fetale;Inoltre un aumento di incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolare, è stato riportato inanimali a cui erano stati somministrati inibitori della sintesi di prostaglandine, durante il periodo organogenetico.
Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, il farmaco non deve essere somministrato se non in casi strettamente necessari.
Se l’acido acetilsalicilico è usato da una donna in attesa di concepimento, o durante il primo e secondo trimestre di gravidanza, la dose e la durata del trattamento devono essere mantenute le più basse possibili.
Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre il feto a :
- tossicità cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare);
- disfunzione renale, che può progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios;
Tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre la madre e il neonato, alla fine della gravidanza, a:
- possibile prolungamento del tempo di sanguinamento ed effetto antiaggregante che può occorrere anche a dosi molto basse;
- inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritardo o prolungamento del travaglio.
Conseguentemente, NEO NISIDINA è controindicato durante il terzo trimestre di gravidanza. La prolungata assunzione di elevate quantità di caffeina può indurre l’aborto spontaneo o la nascita prematura.

Paracetamolo
Una  grande  quantità  di  dati  sulle  donne  in  gravidanza  non  indicano  né  tossicità  malformativa,  né  fetale/neonatale.    Studi    epidemiologici    sullo    sviluppo    neurologico    nei    bambini    esposti    al    paracetamolo in utero mostrano risultati non conclusivi. Se clinicamente necessario, il paracetamolo può essere usato durante la gravidanza, tuttavia dovrebbe essere usato alla dose efficace più bassa per il più breve tempo possibile e con la più bassa frequenza possibile.
Allattamento
Il paracetamolo e i salicilati vengono escreti nel latte materno. Anche la caffeina è escreta nel latte materno e può influenzare lo stato ed il comportamento del bambino.
Un rischio per il lattante non può essere escluso.
L’uso di NEO NISIDINA durante l’allattamento deve essere evitato.
Occorre  decidere  se  continuare/interrompere  l’allattamento  oppure  continuare/interrompere  la  terapia  con  NEO  NISIDINA  tenendo  conto  del  beneficio  dell’allattamento  per  il  bambino  e  del  beneficio della terapia con NEO NISIDINA per la madre.

Possibili effetti indesiderati

Effetti indesiderati osservati a seguito della somministrazione di NEO NISIDINA.
In pazienti trattati nel corso di studi clinici controllati verso placebo con un’associazione a dose fissa di paracetamolo, acido acetilsalicilico e caffeina, sono stati riportati i seguenti effetti indesiderati, basati sull’esperienza di 1143 pazienti.
Disturbi psichiatrici:
comunemente si può presentare nervosismo; raramente si può presentare agitazione.
Patologie del sistema nervoso:
comunemente si possono presentare vertigini; raramente si può presentare tremore.Patologie dell’orecchio e del labirinto: raramente possono presentarsi vertigini.
Patologie cardiaci:
non comunemente possono presentarsi palpitazioni; raramente può verificarsi tachicardia.
Patologie gastrointestinali:
comunemente possono presentarsi dolore addominale, dispepsia, nausea; non comunemente può presentarsi vomito; raramente possono verificarsi diarrea, esofagite.
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:
raramente può presentarsi iperidrosi (aumentata sudorazione).
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione:
raramente può presentarsi fatica.
Per ogni singolo principio attivo della NEO NISIDINA, i possibili effetti indesiderati sono riportati di seguito:

Acido acetilsalicilico
L’acido acetilsalicilico può provocare disturbi epigastrici, nausea, vomito, ulcere gastroduodenali e gastrite erosiva che può portare a sanguinamento gastrointestinale grave. Tali effetti sono più probabilmente correlati alle dosi alte sebbene possano manifestarsi anche a basse dosi.
Quando si usano prodotti contenenti acido acetilsalicilico per periodi prolungati, può verificarsi anemia da carenza di ferro a causa del ripetersi di sanguinamenti nel tratto digerente.
Occasionalmente, possono manifestarsi reazioni allergiche (broncocostrizione, reazioni cutanee).

Patologie del sistema emolinfopoietico: frequenza non disponibile: aumentato rischio di sanguinamento (per esempio epistassi, gengivorragia) a causa dell’effetto antiaggregante che perdura per diversi giorni dalla sospensione del trattamento, trombocitopenia.
Disturbi del sistema immunitario: reazioni di ipersensibilità (inclusa ipotensione, dispnea, shock anafilattico, edema angioneurotico).
Patologie endocrine: molto raramente può verificarsi ipoglicemia.
Patologie del sistema nervoso: frequenza non disponibile: mal di testa, sonnolenza, confusione.   Patologie dell’occhio: frequenza non disponibile: disturbi visivi.
Patologie dell’orecchio: frequenza non disponibile: indebolimento dell’udito, tinnito (suono o rumore percepito dal paziente ma non generato dall’ambiente esterno), vertigini.
Patologie gastrointestinali: non comunemente può presentarsi diarrea; raramente può verificarsi ulcera gastrointestinale e sanguinamento; molto raramente può verificarsi perforazione gastrointestinale.
Patologie epatobiliari: molto raramente si possono avere aumento delle transaminasi, disturbi della funzionalità epatica.
Patologie della cute e del sottocutaneo: molto raramente si possono presentare gravi disturbi della cute (incluso eritema multiforme).
Patologie renali e urinarie: molto raramente si possono presentare disturbi della funzionalità renale.
Condizioni di gravidanza, puerperio e perinatali: prolungamento della gravidanza e del travaglio.
Paracetamolo
Patologie del sistema emolinfopoietico: molto raramente si possono presentare alterazioni dell’ematocrito, trombocitopenia, leucopenia, agranulocitosi, pancitopenia (diminuzione del numero delle piastrine, globuli bianchi, o di tutti gli elementi del sangue, globuli rossi inclusi).
Disturbi del sistema immunitario: molto raramente si possono presentare reazioni di ipersensibilità quali ad esempio eritema, orticaria, nausea, edema di Quincke, gonfiore, dispnea (difficoltà a respirare), e shock anafilattico.
Patologie respiratorie, toraciche e del mediastiniche: molto raramente si possono presentare broncospasmo nei soggetti allergici ai farmaci antinfiammatori non steroidei.
Patologie epatobiliari: raramente si può avere un aumento delle transaminasi.
Con l’uso di paracetamolo sono state segnalate reazioni cutanee di vario tipo e gravità inclusi rari casi di eruzioni cutanee su base allergica e casi di eritema multiforme, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica.
Sono  state  segnalate  reazioni  di  ipersensibilità  quali  ad  esempio  angioedema,  edema  alla  laringe,  shock  anafilattico.  Inoltre  sono  stati  segnalati  i  seguenti  effetti  indesiderati:  trombocitopenia,  leucopenia,  anemia,  agranulocitosi,  pancitopenia,  alterazioni  della  funzionalità  epatica  ed  epatiti,  alterazioni  a  carico  del  rene  (insufficienza  renale  acuta,  nefrite  interstiziale,  ematuria,  anuria),  reazioni gastrointestinali e vertigini.
In  casi  di  iperdosaggio,  per  la  presenza  di  paracetamolo,  si  può  provocare  citolisi  epatica,  che  può  evolvere verso la necrosi massiva e irreversibile.

Caffeina
La  caffeina  è  uno  stimolante  del  sistema  nervoso  centrale  e  può  causare  agitazione,  insonnia,  tremore, sintomi dispeptici e tachicardia.

Speciali precauzioni per la conservazione

Conservare a temperatura non superiore a 30°C.

Maggiori Informazioni
Casa Farmaceutica PHARMAIDEA Srl
Minsan 004558185
Marchi NEONISIDINA
Prodotti più Cercati Prodotti a Catalogo
Recensioni