Perché acquistare da noi?

Punti Fedeltà
su questo prodotto

- 22%

RIGENTEX*30 cps molli 400 UI

principi attivi

rigentex 200 u.i. capsule molli 1 capsula contiene: principio attivo : rrr–α– tocoferolo mg 140 (pari a 200 u.i. di vitamina e). rigentex 400 u.i. capsule molli 1 capsula contiene: principio attivo: rrr–α– tocoferolo mg 280 (pari a 400 u.i. di vitamina e). per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

eccipienti

olio di soia raffinato. costituenti della capsula : gelatina, glicerolo.

indicazioni terapeutiche

carenze di vitamina e legate a malassorbimento. condizioni in cui si richieda la prevenzione di una eccessiva perossidazione lipidica cellulare.

controindicazioni/effetti indesiderati

ipersensibilità nota verso il principio attivo o uno qualsiasi degli eccipienti.

posologia

140–280 mg al giorno, suddivisi in 1 – 2 somministrazioni, secondo il giudizio del medico.

conservazione

non conservare a temperatura superiore a 30° c.

avvertenze

poiché la vitamina e riduce il fabbisogno di digitale, in caso di assunzione contemporanea dei due farmaci si dovrà porre attenzione ad un’eventuale iperdigitalizzazione. i dosaggi di insulina nei diabetici trattati con vitamina e devono essere accuratamente controllati, poiché la vitamina e può ridurre considerevolmente il fabbisogno di insulina (v. anche par. 4.5). l’uso prolungato di dosi superiori ai 560 mg al giorno è stato associato ad un aumento della tendenza al sanguinamento in pazienti con carenza di vitamina k. l’uso eccessivo di vitamina e può antagonizzare la funzione della vitamina k e deve avvenire sotto stretto controllo. l’uso terapeutico del tocoferolo è associato ad un aumentato rischio di ictus emorragico.

interazioni

alte dosi di vitamina e (1200 u.i.) possono interferire con il warfarin, determinando un transitorio aumento del tempo di sanguinamento. la vitamina e può potenziare l’azione della digitale e dell’insulina. l’uso concomitante di anticoagulanti, trombolitici o inibitori dell’aggregazione piastrinica o dell’emostasi possono aumentare il rischio di sanguinamento. dosi elevate di α–tocoferolo possono ridurre l’assorbimento della vitamina a e della vitamina k.

effetti indesiderati

in seguito ad assunzione di elevati dosaggi possono comparire stanchezza e debolezza muscolare. le reazioni avverse derivano da segnalazioni spontanee e non è pertanto possibile stabilirne la frequenza. disturbi del sistema immunitario reazione allergica, reazione anafilattica. i sintomi possono comprendere orticaria (meccanismo secondario), edema allergico, dispnea, eritema, eruzione cutanea e bolle. se compare una reazione allergica, interrompere il trattamento e consultare un medico. patologie gastrointestinali diarrea, dolore addominale, dolore epigastrico, nausea, flatulenza. patologie della cute e del tessuto sottocutaneo eruzione cutanea, prurito. segnalazione delle reazioni avverse sospette la segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

sovradosaggio

in caso di iperdosaggio è possibile la comparsa di disturbi gastrointestinali (nausea, diarrea), stanchezza, debolezza muscolare. non sono conosciuti fenomeni cronici da ipervitaminosi e. i sintomi e i segni del sovradosaggio di tocoferolo sono aspecifici. con dosaggi giornalieri superiori a 700 mg sono stati segnalati disturbi gastrointestinali transitori come nausea, diarrea, flatulenza. altri sintomi possono comprendere stanchezza, astenia, cefalea, visione offuscata e dermatite. se si sospetta un sovradosaggio, il trattamento deve essere interrotto. laddove necessario, dovranno essere adottate misure generali di supporto.

gravidanza e allattamento

in gravidanza e durante l’allattamento il prodotto deve essere usato solo sotto stretto controllo medico a causa dell’elevato dosaggio di alfa–tocoferolo nel medicinale. nel caso in cui l’uso del medicinale si renda necessario deve essere considerato il rapporto rischio/beneficio sia per la madre sia per il bambino, e il trattamento deve essere adattato in base ai livelli sierici di tocoferolo.

Minsan: 034680025
12,00 €
9,31 €
Descrizione
Principi attivi

RIGENTEX 200 U.I. capsule molli 1 capsula contiene: Principio attivo : RRR–α– Tocoferolo mg 140 (pari a 200 U.I. di vitamina E). RIGENTEX 400 U.I. capsule molli 1 capsula contiene: Principio attivo: RRR–α– Tocoferolo mg 280 (pari a 400 U.I. di vitamina E). Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

Eccipienti

Olio di soia raffinato. Costituenti della capsula : gelatina, glicerolo.

Indicazioni terapeutiche

Carenze di vitamina E legate a malassorbimento. Condizioni in cui si richieda la prevenzione di una eccessiva perossidazione lipidica cellulare.

Controindicazioni/Effetti indesiderati

Ipersensibilità nota verso il principio attivo o uno qualsiasi degli eccipienti.

Posologia

140–280 mg al giorno, suddivisi in 1 – 2 somministrazioni, secondo il giudizio del medico.

Conservazione

Non conservare a temperatura superiore a 30° C.

Avvertenze

Poiché la vitamina E riduce il fabbisogno di digitale, in caso di assunzione contemporanea dei due farmaci si dovrà porre attenzione ad un’eventuale iperdigitalizzazione. I dosaggi di insulina nei diabetici trattati con vitamina E devono essere accuratamente controllati, poiché la vitamina E può ridurre considerevolmente il fabbisogno di insulina (v. anche par. 4.5). L’uso prolungato di dosi superiori ai 560 mg al giorno è stato associato ad un aumento della tendenza al sanguinamento in pazienti con carenza di vitamina K. L’uso eccessivo di vitamina E può antagonizzare la funzione della vitamina K e deve avvenire sotto stretto controllo. L’uso terapeutico del tocoferolo è associato ad un aumentato rischio di ictus emorragico.

Interazioni

Alte dosi di vitamina E (1200 U.I.) possono interferire con il Warfarin, determinando un transitorio aumento del tempo di sanguinamento. La vitamina E può potenziare l’azione della digitale e dell’insulina. L’uso concomitante di anticoagulanti, trombolitici o inibitori dell’aggregazione piastrinica o dell’emostasi possono aumentare il rischio di sanguinamento. Dosi elevate di α–tocoferolo possono ridurre l’assorbimento della vitamina A e della vitamina K.

Effetti indesiderati

In seguito ad assunzione di elevati dosaggi possono comparire stanchezza e debolezza muscolare. Le reazioni avverse derivano da segnalazioni spontanee e non è pertanto possibile stabilirne la frequenza. Disturbi del sistema immunitario Reazione allergica, reazione anafilattica. I sintomi possono comprendere orticaria (meccanismo secondario), edema allergico, dispnea, eritema, eruzione cutanea e bolle. Se compare una reazione allergica, interrompere il trattamento e consultare un medico. Patologie gastrointestinali Diarrea, dolore addominale, dolore epigastrico, nausea, flatulenza. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Eruzione cutanea, prurito. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Sovradosaggio

In caso di iperdosaggio è possibile la comparsa di disturbi gastrointestinali (nausea, diarrea), stanchezza, debolezza muscolare. Non sono conosciuti fenomeni cronici da ipervitaminosi E. I sintomi e i segni del sovradosaggio di tocoferolo sono aspecifici. Con dosaggi giornalieri superiori a 700 mg sono stati segnalati disturbi gastrointestinali transitori come nausea, diarrea, flatulenza. Altri sintomi possono comprendere stanchezza, astenia, cefalea, visione offuscata e dermatite. Se si sospetta un sovradosaggio, il trattamento deve essere interrotto. Laddove necessario, dovranno essere adottate misure generali di supporto.

Gravidanza e allattamento

In gravidanza e durante l’allattamento il prodotto deve essere usato solo sotto stretto controllo medico a causa dell’elevato dosaggio di alfa–tocoferolo nel medicinale. Nel caso in cui l’uso del medicinale si renda necessario deve essere considerato il rapporto rischio/beneficio sia per la madre sia per il bambino, e il trattamento deve essere adattato in base ai livelli sierici di tocoferolo.

Maggiori Informazioni
Minsan 034680025
Recensioni